Twee Muizen

Twee Muizen

I Twee Muizen sono Denís e Cris, Denís ha studiato belle arti e Cris fashion design. Hanno dato inizio a questo progetto insieme ad Amsterdam, decidendo di chiamarlo così, Twee Muizen, che in olandese significa “due topi”. Vengono entrambi dalla Galizia e sono cresciuti nei villaggi vicino a Santiago de Compostela, villaggi pieni di montagne, animali e natura che ritroviamo nel loro lavoro. Attualmente vivono e lavorano a Barcellona. Il loro laboratorio si trova nel quartiere di Sant Pere, dove trascorrono la maggior parte del tempo lavorando ai loro progetti o portando a termine gli ordini dei clienti. Il loro laboratorio ha inoltre una galleria dove possono mostrare le loro ultime opere, dai giocattoli d’arte alle illustrazioni e ai dipinti. È aperto al pubblico, in modo che chiunque possa visitarlo.

Collaborazioni

Festival Asalto,

Open Walls,

Nau Bostik,

No callarem,

Room Art Fair,

Revista Líbero,

Tuenti, Tentaciones,

Retina Revista Mongolia,

O Marisquiño, Revista Dot,

El País,

Soul Traits,

Ornamante,

Croa Magazine,

190 Grados,

Franela

Magazine, Pictofolio.

Mostre

Madrid 2011, The wall “Sutura”

Amsterdam 2012, Basis “Wood & Clan”

Barcelona 2012, Sho Bcn “Entre dioses y monstruos”

Barcelona 2013, Mad for Macs “Trece maderas” (collettiva)

Cardedeu 2013, Tarambana “Twee Muizen show”

Barcelona 2014, Cosmo “Gigantic”

Barcelona 2014, HQ “Especies en extinción”

Vigo 2014, Detrás do Marco “Sobre el viento la tela”

Valencia 2015, Plastic Murs “En el norte”

Valencia 2016, Plastic Murs “Piedra, papel, tijera” (collettiva)

Roma 2016, Nero Galllery “Animali Sacri” (collettiva)

New York 2017, Clutter Gallery, “Stitched2” (collettiva)

Roma 2017, Nero Gallery “Twin Peaks” (collettiva)

Edimburgo 2018, Flamingusaurusrex Gallery “Soul Traits” (collettiva)

Mostra collettiva a cura di Daphnée Thibaud e Giulia Capogna

Vernissage: sabato 26 novembre 2016 dalle h 19.00

Performance di Massimo ScognamiglioRebirth

Live painting di Diamond e Solo

Finissage: 7 gennaio 2017 dalle h 19.00

Beppe Stasi –  Claudia Ducalia – Diamond – Eolo Perfido – Fabio Timpanaro – Francesco Viscuso – Giorgio Finamore – Karl Billaud – Marco Rea – Nicola Alessandrini – Riccardo Mannelli – Saturno Buttò – Selena Leardini – Servadio – Sicioldr – Solo – Valentina Brostean

Nero Gallery è lieta di presentare Corpus Dei, mostra collettiva composta da 17 artisti italiani.

La mostra esplora diversi modi di rappresentare e di utilizzare il corpo nelle opere d’arte. Il corpo nella sua trasformazione e nelle sue molteplici manifestazioni diventa il medium attraverso cui l’artista esprime il proprio concetto di arte. Gli artisti esposti sono tutti italiani ma provenienti da mondi diversi: dalla lowbrow art e dal pop surrealismo, dalla foto-manipolazione, dal fumetto e dall’illustrazione per toccare infine anche la street art. La mostra abbraccia, in questo modo, diverse discipline e molteplici interpretazioni, rispecchiando e riflettendo la varietà espressiva di ogni singolo.

La visione degli artisti mira a reinterpretare la concezione del corpo come mezzo espressivo nell’arte. Il corpo è l’oggetto di tutte le sperimentazioni ed è stato il centro di profondi sconvolgimenti ideologici, politici e culturali: lo ritroviamo nel ritratto, nella fotografia, nel collage, nel disegno, nella pittura, nel tatuaggio. Il corpo è sublimato, venerato, rappresentato come pura poesia dell’estetica ma allo stesso tempo deformato, frammentato, ferito, ibrido e sfigurato. La mostra toccherà vari temi e visioni e il suo allestimento sarà un percorso proibito e celato che svelerà molte opere sorprendenti.