Luca Longobardi

Pianista e compositore, Luca avvicina al linguaggio classico una spiccata apertura verso lo sperimentalismo elettronico, delineando uno stile personale chiaro e distinguibile, molto apprezzato sia in Italia che all’estero. Scrive prevalentemente per il balletto contemporaneo, il teatro e le installazioni multimediali. Sua la firma delle colonne sonore originali e la regia musicale degli spettacoli immersivi di Carrières de Lumières a Baux-de-Provence e di quelli della Kunstkraftwerk di Lipsia. Le sue performance affermano un forte bisogno di creare un entourage multimediale per la fruizione delle sue composizioni musicali originali. Approfondisce così il suo concetto di ‘visione sonora’, di una mise en scene che crei un forte impatto emotivo e personale attraverso una serie di input multimediali. Nascono così percorsi installativi come per Jeudi – visioni sonore, uno spettacolo che debutta presso il Canova22 (Roma) con 15 repliche e un forte riscontro di pubblico o installazioni audio complesse come il Quinto Corpo, performance e video installazione di Massimialino Siccardi e Ginevra Napoleoni, che presenta nella musica un percorso multi-output di ascolto e una live performance elettronica. Nel novembre 2016 inizia una seria di House Concert (#HCSeries) aprendo la propria casa al pubblico. L’idea nasce principalmente dalla volontà di far ascoltare la propria musica nell’esatto luogo dove nasce. I suoi lavori discografici sono pubblicati sulle maggiori piattoforme digitali di download e streaming e su supporti analogici come nel caso di Morning Melodies, progetto d’improvvisazione durato 100 giorni e prodotto in edizione limitata in doppia cassetta e Plume, il suo nuovo album pubblicato su vinile.