spentriu Pop surrealism, pop surrealismo, pigneto, roma, nero gallery, galleria d'arte
0Settimane0Giorni0Ore0Minuti

PINACOCYTES – SPENTRIU

Curata da Giulia Capogna e Daphnee Thibaud

VERNISSAGE VENERDI, 23 GENNAIO 2015

Dal 23 Gennaio al 22 Febbraio 2015

 Mostra personale di Spentriu

Πίναξ, πίνακος “quadro” κύτος, κύτους “cellulle”

 I pinacociti sono cellule prismatiche appiattite che formano il tessuto esterno delle spugne marine. Contengono molti granuli in grado di contrarsi e si occupano del mantenimento delle dimensioni e della struttura di una spugna: si espandono e si contraggono per cambiarne leggermente la forma.

La mostra “Pinacocytes” si compone di due serie di opere che coniugano in maniera differente il tema del segno come tessuto epiteliale e quello della ripetizione, della variazione dei segni e dell’interazione che essi hanno sia tra di loro che con le forme e l’ambiente circostante.

Una serie include dei lavori realizzati incidendo lastre di alluminio ricoperte di acrilico nero. Ciascuna matrice non viene riprodotta in una tiratura di esemplari su carta uguali tra loro ma si riproduce in una seconda matrice: le forme che ospita ed i segni da cui queste sono attraversate si trasferiscono nella matrice successiva e compiendo questo movimento si articolano diversamente dando vita ad una nuova composizione.

Ciascuna forma è ricoperta da una trama di segni che svolge la funzione di tessuto epiteliale e sia la forma che la sua “pelle” segnica sono soggette ad un processo di continua mutazione; le matrici sono delle istantanee di questo processo evolutivo.

L’altra serie si compone di quadri appesi ad una parete contenenti opere grafiche realizzate da artisti differenti. Sia la parete che i quadri sono rivestiti da un epidermide di segni, di pattern che si trasformano e dialogano tra loro ricoprendo la superficie intera dei quadri e della parete a cui sono appesi.

Da una parte l’elemento grafico agisce sulla membrana cellulare dell’ambiente e degli elementi che esso contiene come un parassita, dall’altra agisce da elemento protettivo, in quanto custodisce al suo interno le opere senza attaccarle direttamente.

  Orari della galleria

Dal martedì alla domenica dalle 16 alle 20.

Lunedi chiuso